Libertà di pensiero sì, apologia di fascismo no!

la-costituzione-italiana

Tra pochi giorni a Modena aprirà un circolo culturale di estrema destra. Si chiamerà “Terra dei Padri” e si connota già in modo piuttosto chiaro. Come già capitato in passato davanti ad eventi del genere, la nostra città reagisce in modi molto diversi: da una parte c’è la preoccupazione e la presa di posizione del mondo democratico e antifascista. Poi ci sono quelli che non vedono l’ora di alzare il livello dello scontro. Questi ultimi non devono essere in alcun modo giustificati, perché non si è antifascisti con le bombole spray, le minacce o gli insulti. La Resistenza e la Costituzione ci insegnano altro e noi a quell’esempio rimaniamo fedeli.
Bene ha fatto il Sindaco di Modena a rimarcare due questioni: a Modena la violenza non sarà tollerata, come non viene tollerata l’apologia di fascismo.
Le reazioni dei promotori del Circolo sono state unanimi: “noi non facciamo niente di male”. Allora chiedo a lorsignori di spiegarmi come mai hanno deciso di chiudere la loro festa col concerto di una band chiamata “Topi neri” i cui testi sono infarciti di frasi sicuramente casuali come “boia chi molla”, “centinaia di braccia tese”, “camerati” e altre prodezze. Questa non è arte: questo è fascismo, punto.
Facciano la loro inaugurazione; la Costituzione nata dalla sconfitta dei loro “Padri” glielo consente, ma richiama anche tutti noi alla vigilanza. Fosse per me, farei recapitare loro una copia dell’atto con cui Modena viene insignita della Medaglia d’oro alla Resistenza, con le parole che raccontano del sacrificio di centinaia di Modenesi, combattenti e civili. Così almeno avranno un ricordo tangibile della nostra storia.

“Facciabronzismo”…

Un’ottimo discorso quello di Renzi, ieri all’assemblea nazionale del PD. Franco, in gran parte condivisibile. Peccato che il congresso non si faccia, quindi #andiamoavanti, metti che sia #lavoltabuona e che improvvisamente la gente inizi a capirci.

Poi c’è la questione Giacchetti (che avrebbe potuto usare un po’ di quell’energia nella campagna per le amministrative, magari). Diciamo che se dovessimo dare patenti di incoerenza e “facciadibronzismo” ci verrebbe fuori un elenco interessante e piuttosto lunghetto.

I toni da apocalisse (ahimè) funzionano…

L'infografica di Centimetri sul voto nelle Regioni al Referendum Costituzionale. Roma, 5 dicembre 2016. ANSA/ CENTIMETRI

Aldilà dell’esultanza a favore di telecamere di qualche leader delle opposizioni, in realtà a questo giro è molto difficile stabilire chi ha vinto e chi ha perso. Quindi è importante sottolineare le cose sulle quali riflettere per prepararci ad una stagione che ci metterà alla prova (soprattutto in casa #PD, che è ciò che m’interessa visto che è casa mia):
1. I toni da apocalisse (ahimè) funzionano: aver voluto enfatizzare che in questo voto c’erano in ballo i destini economici ed addirittura sociali di questo paese ha aggiunto caos nelle valutazioni e nella comprensione del merito. Dall’altra parte, drammatizzare parlando indebitamente di “ridimensionamento della democrazia” o di “autoritarismo”, ad esempio, ha allarmato più del dovuto molte persone. Chi ha deciso queste strategie forse può intestarsi parte della grande partecipazione al voto. Ma qual è stata la “qualità” di questa partecipazione? Lo vedremo.
2. Renzi e alcuni ministri del suo governo si sono appiattiti su un messaggio solo: il cambiamento è buono a prescindere, tanto che non c’è bisogno neppure di spiegarlo. Sottovalutando che il cambiamento invece va digerito, compreso e che le persone hanno bisogno di toccare con mano contropartite vantaggiose, magari nella direzione dell’equità.
Il messaggio “sono 30 anni che ci proviamo, o la va o la spacca”? Troppo debole per essere convincente.
3. Il PD si è adeguato ad una campagna elettorale fatta di messaggi tra il ridicolo e l’offensivo. Esempio? La foto del consigliere regionale in bianco e nero che si mette a posto la cravatta, sbandierata a simbolo di privilegio. Lo stesso PD che poi sui territori cerca di spiegare, con fatica, che i costi della politica (soprattutto di quella che funziona) sono niente rispetto ai grandi sprechi di questo paese (come quelli nei Ministeri). Messaggi discordanti che hanno portato le persone a pensare che di “volte buone” nella quotidianità della politica ce ne sono tante, basta volerlo.
 
La verità è che i toni apocalittici hanno allettato tutti. Molti sono stati sfiorati dall’idea che, davanti all’ipotesi della crisi di governo, avrebbe prevalso nei cittadini un senso di responsabilità che coincideva un po’ con una delega. Ma cosí facendo abbiamo messo noi una pistola carica nelle mani dei nostri avversari (quelli veri, quelli che della Costituzione non gliene frega davvero un baffo) e così non siamo riusciti ad evitare la rabbia delle persone che stavolta non hanno risposto stando a casa (come nelle ultime tornate elettorali), ma dicendo la propria in massa.
Oggi è sorto un nuovo giorno e domani ne sorgerà un altro, ma confido che finalmente il sole vada presto ad illuminare ció che fino ad ora non abbiamo saputo vedere.

Tra D’Alema e Renzi, io sto con Prodi.

182426035-d3da7344-20e7-4a9f-a55d-5716ff811d20

Tutti ad incensare o attaccare Romano Prodi per quello che farà il 4 dicembre, e in pochissimi che abbiano letto (e fatto tesoro) della parte più importante della sua dichiarazione, quella che parla di cosa succederà (comunque vada il referendum) dal 5 dicembre in poi: “La mia vicenda politica si è identificata nel tentativo di dare a questo Paese un modello maggioritario e bipolare. C’è chi ha voluto ignorare e persino negare quella storia, come se le cose cominciassero sempre da capo, con una leadership esclusiva, solitaria ed escludente. E c’è chi ha poi strumentalizzato quella storia rivendicando a sé il disegno che aveva contrastato“.
Al di là di come ha deciso di votare, Prodi ci rimprovera tutti. Ma qualcuno forse deve sentirsi più rimproverato degli altri.

Una politica di qualità passa dai partiti, non dalla Costituzione.

VOGLIA DI ANDARE VIA

Che si stia pensando di votare Sì o di votare No al Referendum Costituzionale del 4 dicembre, penso comunque che ci debba essere una richiesta unanime: la classe politica deve essere di qualità. E questo è un compito dei partiti, non della Costituzione.

“The times they are a-changing”

times-are-changin-e1422141843890-551x335

“The times they are a-changing” è in assoluto una delle mie canzoni preferite. L’ho sempre considerata il mio personale inno alla ribellione contro tutto ció che mi sta stretto e un invito a pensare che nello sdegno non si è mai soli. Da quando Trump è stato proclamato vincitore, però, alcune parole del Nobel Dylan per me hanno un’eco diversa. “Admit that the waters around you have grown and accept it that soon you’ll be drenched to the bone and if your breath to you is worth saving, then you better start swimming or you’ll sink like a stone for the times they are a-changing”, ad esempio. Sento che c’è qualcosa che come progressisti dobbiamo capire in fretta: c’è un mondo fatto di rancore che sembra dirci che per noi non c’è più posto, c’è un clima da conflitto, c’è stanchezza diffusa. Dobbiamo farci i conti o verremo spazzati via, con i nostri valori e i nostri ideali. E basta una faccia di bronzo qualsiasi per riuscirci. Oggi negli USA si chiama Donald, domani in Italia chissà. Penso fosse questo che intendeva dire Bersani quando ha scritto il post sulle elezioni americane “che parlano a noi”. Ma, come spesso accade da un po’ di tempo a questa parte, siamo molto più interessati alla maestà lesa, piuttosto che al merito.
“Keep your eyes wide, the chance won’t come again”.

La banalità del volersi bene.

14633681_813129842122778_841208866492389034_o

Lui è Patch Adams, in persona. Chi conosce la sua storia sa che forse non c’è bisogno di dire altro. Ieri sera ho avuto l’onore di ascoltarlo e posso dire che non ho mai incontrato qualcuno cosí: ha fatto ridere, piangere, ballare, stringersi in un abbraccio un intero teatro. Ma soprattutto ci ha intimato di essere “infiltrati d’amore” ovunque (“shine, be funny, be kind and love”). C’è qualcosa di così banale nel volere bene e nel fare del bene, ma forse é in questa semplicità che si nasconde il segreto di ogni cosa.

L’Italia solidale dov’è?

Ció che è accaduto a Goro mi lascia quasi stordita. Non solo per quello che è accaduto in sè, ma anche per quanto potenzialmente puó accadere. Per quell’immagine spaventosa di comunitá che neanche ci prova ad essere accogliente: non ci diamo il tempo di conoscere quelle persone, di dargli un volto, di sapere i loro nomi. Di scoprire, in sostanza, chi sono, al di là delle etichette (profugo, migrante, clandestino, etc.). Non ci proviamo, consci che la convivenza è difficile, che i problemi ci possono essere, ma anche essere affrontati. Vadano via, lontano da noi. Stordisce sapere che tutto questo oggi si è rivoltato contro donne e bambini provenienti da un altro paese, ma che domani chiunque puó essere rifiutato a priori, colpevole di essere quello che è: una persona che vive ai margini, chi ha sbagliato, chi disturba troppo, chi è brutto a vedersi, chi fa paura, chi è malato, chi è diverso. Il senso di comunità si sta sfaldando e forse questo sí, meriterebbe le barricate.

Analisi “socio-culturale” delle elezioni amministrative

QUESTA NON E’ UN’ANALISI DEL VOTO: ma prima di tutto prova ad essere, almeno parzialmente, un’analisi socio-culturale (che attirerà critiche bi-partisan, tranquilli!) 😉
Ognuno ha la sua visione sull’andamento delle elezioni amministrative, io vorrei aggiungere qualcosa in più.
Ho come il presentimento che in Italia non sempre si venga giudicati dagli elettori sulla base di queste o quelle politiche, o di quanto bene o male si amministra una città (e anche recentemente ci sono stati casi evidenti).
Sicuramente lo story-telling renziano non funziona più, lo Sblocca-Italia e il Job’s act hanno allontanato una fetta di elettorato dal PD, ancor più della fin troppo vituperata riforma Costituzionale (per la quale milioni d’italiani si stanno scoprendo improvvisamente costituzionalisti), ma la vera sostanza della sonora e nettissima batosta secondo me sta altrove.
 
Sta in buona parte nell’atteggiamento di Matteo Renzi.
 
Sì, nell’atteggiamento prima ancora che nelle politiche del suo governo, perchè l’italiano medio, che non è sceso in piazza per protestare in questi due anni di governo tranne rare eccezioni, forse (purtroppo!) manco le segue le politiche di un governo.
Nella società liquida dicono che si voti sempre più a sensazione, boh, sarà… Di certo, in un sistema elettorale a doppio turno (come le amministrative, ma ora, ahimè con l’Italicum, anche le politiche) e soprattutto tripolare (CSX, CDX e M5S), non basta essere la prima scelta della maggioranza relativa dei votanti (com’è il PD), ma bisogna essere perlomeno la seconda scelta della MAGGIORANZA ASSOLUTA!
 
E invece Renzi, pur non avendo di certo governato peggio del D’Alema del 1999 (and btw, Alfano/Verdini are just the new Mastella/Cossiga), sta sbagliando impostazione.
La sua polarizzazione, il suo “nazional-popolarismo” che mal si adatta al background storico del centrosinistra italiano e che scimmiotta il populismo di Grillo e Salvini, nella battute, nelle offese, nelle estremizzazioni, ha sì allargato in parte la base di consenso (anche se perdendo a sinistra), ma provocando anche una contrapposizione insuperabile con il resto dell’elettorato che porta ad un sentitissimo voto di protesta. A quel voto di vendetta dell’elettore leghista o grillino che al secondo turno, senza più prima scelta, ti vota contro a prescindere e solo per impalarti. Un voto che in democrazia vale comunque come un voto ponderato e valoriale.
 
La sfrontatezza del premier-segretario, ormai trasformatasi sempre più in arroganza (o perlomeno percepita come tale), evidentemente non paga più.
Io penso che per uscire dalla crisi in cui sta scivolando il centrosinistra italiano serva qualcos’altro. Che ne so…un Prodi, ovviamente non lui-lui, ma la sua impostazione e le sue capacità: governare bene, ma anche, soprattutto, saper unire un paese in un momento che rimane difficile.